Cinema e Spettacolo

La rivolta del Politecnico ad Atene

today24 Gennaio 2022

Sfondo

Le manifestazioni di oggi in Grecia cadono nell’anniversario di un giorno particolare in cui le rivolte furono represse nel sangue dalle forze dell’ordine

Trentotto anni fa, di questi giorni, delle grandi manifestazioni di piazza ad Atene contestarono e sfidarono apertamente il regime della giunta militare che governava il paese dal 1967. Le manifestazioni presero inizio il 14 novembre 1973 e si conclusero il 17 novembre, represse nel sangue dalle forze dell’ordine. Nell’anniversario di questa data, oggi in Grecia i movimenti studenteschi sono tornati in piazza, protestando contro quella che definiscono una nuova dittatura, da parte dei mercati, della finanza internazionale e della cosiddetta trojka, Unione Europea, Banca Centrale Europea e Fondo Monetario Internazionale.

tempo delle manifestazioni

I manifestanti di 38 anni fa in Grecia erano soprattutto giovani, studenti universitari. La giunta militare aveva proibito, tra le molte cose, le associazioni studentesche e le elezioni dei consigli universitari. Negli anni il malumore degli studenti aveva portato a molte manifestazioni di protesta. Nel 1970 uno studente greco si era dato fuoco a Genova, per protestare contro la giunta. Sempre nel 1973, ma a febbraio, un gruppo di studenti aveva occupato la facoltà di Giurisprudenza di Atene e la protesta si era conclusa con l’intervento violento delle forze dell’ordine.

Il progetto radiofonico

Il 14 novembre gli studenti del politecnico di Atene decisero di proclamare uno sciopero. Occuparono la facoltà e improvvisarono una stazione radiofonica, utilizzando l’attrezzatura dell’ateneo. Il messaggio trasmesso per ore in tutta la capitale diceva: “Qui il Politecnico! Popolo greco, il Politecnico è la bandiera della vostra sofferenza e della nostra sofferenza contro la dittatura e per la democrazia”. In breve tempo migliaia di persone si radunarono attorno al Politecnico. Dopo tre giorni, il 17 novembre, la giunta inviò un carroarmato, che aprì le porte del Politecnico schiantandole, passandoci sopra alle tre di notte e represse nel sangue dalle forze dell’ordine. Il governo proclamò la legge marziale e il coprifuoco, spense l’illuminazione in tutta la città e i militari fecero irruzione nel Politecnico. Seguì una notte di scontri e violenze, dentro e fuori i locali universitari.

Scritto da: Elisa Peroni


Articolo precedente

Cinema e Spettacolo

Infortunio Sofia Goggia

Il responsabile medico della Fisi non chiude la porta al recupero di Sofia Goggia per l'Olimpiade: "Sofia ha dimostrato di saper recuperare, vedremo se riuscirà a fare il miracolo. La speranza olimpica è perta, niente è precluso al 100%, niente è dato per certo al 100%". Da lunedì l'azzurra inizierà subito il percorso riabilitativo INFORTUNIO GOGGIA, LE NEWS LIVE Lesione parziale al crociato anteriore sinistro e piccola frattura al perone: è questa la diagnosi degli esami a cui si è […]

today24 Gennaio 2022

Commenti post (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *


0%